Hogan Interactive 100 Euro

Il monologo biancorosso ha un grande protagonista, l del match Sokolov che chiude con 18 punti, 83 per cento in attacco, 3 muri e 2 ace). I numeri sono chiari: in attacco la capolista della SuperLega gira al 69 per cento di realizzazione, mentre in battuta pressante con dieci ace complessivi. Coach Blengini soddisfatto per come il gruppo ha affrontato l della fase conclusiva della corsa scudetto: “Nei playoff inizia un nuovo campionato, la vittoria in regular season non conta pi niente se non per il livello di gioco sviluppato grazie al lavoro in palestra.

Quando l’esito del primo turno proietta Milano a 25 punti, con Amsterdam e Copenaghen a 20, il sottosegretario agli Affari europei, Sandro Gozi, tira un sospiro di sollievo. Il “pericolo Bratislava” è scongiurato, vista l’eliminazione della capitale slovacca, fuori al primo turno insieme a Barcellona. L’ipotesi di un accordo tra la Germania e i Paesi dell’Est, che prevedeva l’assegnazione dell’Ema a Bratislava e il parallelo approdo dell’Eba, l’Autorità bancaria europea, a Francoforte, non si è concretizzata.

Con il suo carico di lodi critiche, incassi e polemiche, la corazzata in 70 millimetri di Cristopher Nolan ha gi vinto la sua guerra. Malgrado i critici anglosassoni parlassero gi di capolavoro, le stime di incassi di Dunkirk, uscito in Usa in questo fine settimana (da noi il 31 agosto) erano al ribasso: tra i 30 e i 35 milioni. Non esaltanti per un flm da 150 milini di budget, ma buoni per un film di guerra, considerando che lo spilberghiano Salvate il soldato Ryan aveva debuttato a 30,5.

Per Ruffilli, comunque, non si deve rispondere con soluzioni semplificate presidenzialismo, semipresidenzialismo a questioni complesse. Serve garantire il massimo di pluralismo e consentire al tempo stesso al cittadino di scegliere il governo. Perch il governo che deve essere scelto, e perch la scelta del governo consente di trasformare i partiti, aggiungere partecipazione, ammodernare la macchina amministrativa, riconciliare il cittadino con lo stato..

E se Steve Jobs rinascesse a Napoli? Non si tratta dell’improbabile trama di un film ma di una curiosa vicenda, raccontata da Ansa e svoltasi nel capoluogo campano. “Steve Jobs” è il nome del marchio di abbigliamento e hi tech di Vincenzo e Giacomo Barbato, due imprenditori napoletani che hanno chiamato la loro azienda con il nome del fondatore della Apple. I due fratelli hanno affrontato l’inevitabile battaglia legale contro l’azienda di Cupertino e si sono visti dare ragione dai giudici.

Lascia un commento