Hogan Interactive 44

Tra i motivi del no del consiglio anche l’impatto sulla logistica e la mobilità dell’area. Il collegamento con l’area, sia da est che da sud, graverebbe sulla via del Casalino, nel centro abitato della frazione di Tassignano. La proposta di nuova mobilità dell’area infatti ha l’obiettivo di trasferire a ovest la viabilità con un nuovo sottopasso e un sovrappasso autostradale.

Nel menu a forma di contagiri anche il Risotto dell’Avvocato, il Giardino di donna Marella, le Tagliatelle Millemiglia, la Guancia Maranello, e come dolce il Cric: Abbiamo inserito richiami al mondo delle auto e dei motori per creare un fil rouge con l’ambiente, e pensato alcune ricette legandoci ai racconti di Lapo. Piatti storici che facevano parte del pranzo di famiglia, semplici e accessibili. Sono ricette italiane e regionali rivisitate, da nord a sud, spiega Cracco.

Tra un seggiolino e l se si fortunati potrebbe addirittura capitare di perdersi negli occhi di un altro, come suggeriva lo scrittore Juan Jos Millas noi, che siamo seduti in autobus o in treno, ci siamo innamorati in cinque secondi di qualcuno Se non succede si potr comunque godere della vista dei nuovi panorami e della meraviglia del viaggio, in s perch mai pi che in questo libro, l non la destinazione ma il viaggio stesso. L Federico Pace, ha macinato migliaia di chilometri sulle ferrovie di mezzo mondo arrivando a scrivere La libert viaggia in treno (Editori Laterza), una raccolta di racconti con indicazioni precise delle tratte ferroviarie percorse (orari, distanze, coordinate) infarcite di numerosi riferimenti letterari e storici. Ogni percorso suggerisce un autore, ogni chilometro di ferro e rame un avvenimento, perch tra Ottocento e Novecento non solo la libert ha viaggiato in treno, ma pure la storia..

Certo, un documentario. Che per gli autori e la montatrice Sara Fgaier (La bocca del lupo), ottima la sobria seduzione della sua mano, han saputo trasformare, grazie anche alla sintonia dell’intensa chitarra minimal elettronica di Francesco Serra (l’11 al Lumi di Bologna la presentazione del disco, rigorosamente vinilico, della sua cupa colonna sonora), in una affabulazione per immagini dai toni fortemente narrativi, un rarefatto storytelling scandito da quattro nuclei in cui si alternano scenari ed emozioni contrastanti. Quasi una fiction a tratti, sviluppata a partire dal tesoro custodito negli archivi di Home Movies, lo sterminato scrigno del film di famiglia che ha sede a Bologna.

Ma probabilmente a far bene all’umore sono i rapporti umani che dopo mesi di lavoro e solitudine, si riallacciano. Questa l’occasione per cercare marito, ballare, cantare e raccontare le ultime novit agli amici ritrovati. Per attirare l’attenzione, gli uomini si esibiscono in prove di forza e parate, e ciascuno sfoggia il tradizionale make up..

Lascia un commento